What is Yoga?

Yoga: ma che cos’è esattamente?

  • È qualcosa che si fa?

  • È il risultato di qualcosa che si pratica?

  • È qualcosa che possiamo definire, oppure è indefinibile?

Spesso nel linguaggio comune sentiamo dire “Vado a yoga”, oppure “Vado a fare yoga”, lasciando intendere che Yoga è una qualche cosa che si fa. La storia però ci racconta che non è sempre stato così. 

La parola Yoga deriva dalla radice in sanscrito “yuj” che significa: legare, fissare, collegare, connettere o concentrare. Nel dizionario Sanscrito ha una delle più lunghe traduzioni e definizioni. Yoga significa aggiogare un animale. In astronomia ha a che fare con la congiunzione dei pianeti o delle stelle ma, secondo altre teorie, significa anche mescolare sostanze diverse tra loro. Yoga si utilizza per definire una ricetta, un metodo, una strategia, uno strumento ma può essere anche intesa come frode, scherzo, unione, favore, disciplina, applicazione, contatto, essere solidali e molto, molto altro. 

Oggi sentiamo dire che yoga è unione, ma se leggiamo gli Yoga Sutra capiamo che l’unione in realtà era considerata un problema e non la soluzione. Patanjali infatti parla di separazione e ci invita a focalizzare la mente per eliminare “citta-vrtti” (le fluttuazioni mentali) e creare contatto con “svarupe” (la nostra vera natura).

Yoga significa sia eseguire delle pratiche che lasciar andare e abbandonarsi a questo processo. Yoga è un metodo pratico e una scuola filosofica. Alcuni parlando di arte, altri di scienza, altri la definiscono arte e scienza, altri negano sia questo che quello. Molti testi parlano di Dio, ma questo significa che essa sia una religione? 

Come potete capire, è difficile dare una sola definizione a questo termine. 

Tutto questo ci fa comprendere quanto questa parola sia malleabile. La parola yoga offre infinite possibilità. Nella letteratura sanscrita, ciò che determina il significato delle parole è spesso il contesto in cui vengono utilizzate. Se consideriamo la parola yoga all’interno di testi religiosi e Yoga shastra (compendio, testo, trattato) la parola yoga ha un significato più limitato, che cambia in base al contesto e al momento storico in cui viene collocata.

Queste sono alcune tra le prime definizioni di Yoga che troviamo nei testi Sanscriti:

  1. Yoga è la cessazione degli stai mutevoli della mente” – Yoga Sutra 1.2

  2. Considerano lo yoga come il fermo controllo dei sensi. A quel punto si diviene privi di distrazione, poiché lo yoga è il sorgere e lo svanire. – Katha Upanishad 6.11

  3. In questo sistema lo yoga è l’unione del sé e del Signore. – Pañcarthabhasya 1.1.43 (comm. on Pasupatasutra 1.1)

  4. lo Yoga è abilità in azione – Bhagavad Gita 2.50

  5. Lo Yoga è un mezzo di percezione della realtà. – Brahmasutrabhasya di Sankaracarya

In queste citazioni possiamo notare come il significato della parola cambi in modo radicale, da cessazione degli stati mutevoli a controllo, da unione ad azione o mezzo.

Nei testi tradizionali e religiosi, la parola yoga può essere concepita in due modi fondamentali:

  • Come uno stato o come l’obiettivo di pratiche spirituali o religiose (come espresso nei primi tre esempi)

  • Come la pratica, un mezzo, una disciplina, un modo di vivere e muoversi nel mondo (come espresso nel quarto e quinto esempio).

Tra tutte queste considerazioni e approcci diversi c’è però un denominatore comune: la realtà in cui viviamo è più di quello che vedono i nostri occhi. Da sempre la pratica yoga si occupa, attraverso l’esplorazione e la ricerca, di quella dimensione grazie all’espansione della nostra consapevolezza. 

Satya Yoga Barn
Author: Satya Yoga Barn

Siamo un team di insegnanti di Yoga provenienti da diverse tradizioni e con un bagaglio di esperienza davvero vasto.